SARA BAXTER

E’ un’artista inglese che vive e lavora da molti anni in Italia.

Con esplicito richiamo alla pop art, lavora principalmente con le lattine, evidente riferimento agli iconici barattoli di Andy Warhol.

Finalista al Premio Combat, nel 2014 è stata subito notata e selezionata da Achille Bonito Oliva e poi inserita nel movimento della Pop Art Revolution, accanto a nomi importanti del pop come Basquiat, Warhol, Obey.

La Baxter recupera con queste opere il lavoro creativo di arman il dito è puntato sull’ingranaggio del consumismo e le lattine sono un’ironica allusione a quelle degli spinaci aperte da Braccio di Ferro.

SUPER CAN SERIES

L’icona pop per eccellenza, il barattolo, marchiato con la sigla di Captain America, Batman e Superman, per Sara Baxter è stato già consumato, e giace ammucchiato e pigiato tra gli altri sotto plexiglass. È una scatola di conserva a qualificare i super-eroi. Una dose stupefacente, funzionale all’azione eroica, di cui va salvaguardata la memoria come fosse un cimelio. Se la salvezza è nella forza, la forza è indotta, come per Braccio di Ferro che senza spinaci è perduto. In una realtà mirata agli eccessi, di ogni atto eroico ciò che lo ha determinato vale quanto l’azione stessa. Il faro è qui puntato sulla tendenza al consumo di merci che rendono hyper: più forti, più giovani, più resistenti, più belli, più e più, sempre più…

The ultimate pop icon, the can, labelled with the logo of Captain America, batman and Superman is, for Sara Baxter done with, discarded in a pile with other like it, squashed into a Plexiglas container. It’s a tin of preserve that qualifies the super heroes.  An extraordinary dose, necessary for the heroic act, the memory of which must be safeguarded like a heirloom. If salvation lies in strength, strength is induced, as with Popeye the Sailor man who was lost without his spinach. In a reality defined by excesses, the value of the heroic act is worth as much as the undertaken action itself.    The spotlight is here turned on the trend for the consumption of substances that make one ‘hyper’: younger, stronger, more resilient, more beautiful, more and more, always more…..

 

 

She is an English artist who has been living and working in Italy for many years.

Clearing referencing pop art, she works primarily with tins, an ode to Andy Warhol’s iconic tins.

In 2014, as a finalist of the Premio Combat, she was immediately noticed by Achille Bonito Oliva and then introduced into the Pop Art Revolution movement, alongside important names of pop such as Basquiat, Warhol, Obey.

Through these works Baxter is reviving the creative work of Arman  a finger pointed at the workings of consumerism and the tins ironically allude to the tins of spinach opened by Popeye the Sailor man.